PROJECT PHOENIX

 

 

Un prodotto autoalimentato a prezzi accessibili che migliora l'efficienza del riscaldamento, riduce i costi energetici, taglia le emissioni di CO2 e affronta la scarsezza di combustibile.

Un nuovo concetto nei sistemi di riscaldamento domestico

Affrontare la scarsezza di combustibile e il riscaldamento globale

Aiutaci ad aiutarti a risparmiare denaro e contribuire a salvare il pianeta!

 

Phoenix è un progetto dedicato alla lotta contro la scarsezza di combustibile e il riscaldamento globale, riducendo le emissioni di CO2 in atmosfera e tagliand i costi delle bollette.

Negli ultimi vent'anni ci sono state molte innovazioni nella tecnologia del riscaldamento centralizzato, caldaie, pompe e termostati,....

... fino ad ora.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il nostro nuovo design offre un miglioramento del 25-30% nel tempo necesario per scaldare una stanza e mantenere la temperatura richiesta, con una riduzione corrispondente delle emissioni di CO2.

I nostri tre prodotti sono sia convenienti che facili da installare. Fanno a meno della necessità di una fonte di alimentazione esterna o modifiche alla casa. I benefici, tuttavia, non si fermano lì.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come funzionano?

I radiatori scaldano la stanza tramite due metodi: convezione e irraggiamento

 

 

 

 

 

 

 

 

Invece, il nostro dispositivo funziona catturando calore nella parte posteriore del radiatore e poi soffiando aria calda fuori dalla base del radiatore. Da lì, il calore è in grado di salire nello spazio utilizzato. Ciò interrompe il modello tipico di convezione e di radiazione che induce il calore ad accumularsi vicino al soffitto mentre lo spazio occupato è lasciato ad una temperatura sub-ottimale.

 

 

 

 

 

 

Ciò si traduce in risparmi nell'uso di combustibili fossili, riducendo il tempo necessario per scaldare la stanza. Prolunga inoltre la durata della caldaia e riduce la emissioni di carbonio della caldaia.

 

 

 

Una migliore distribuzione del calore nella stanza si traduce in una maggiore confort per gli occupanti. Di seguito sono riportati i risultati dei nostri test sotto compiuti in una stanza con e senza la nostra tecnologia. Ancora una volta l'immagine a sinistra mostra una distribuzione più uniforme di calore.

 

 

 

I nostri test hanno compreso la registrazione della temperatura registrata su ciascuno dei 14 termometri situati a diverse altezze e in punti diversi della stanza. Ogni test ha compreso il riscaldamento di una stanza utilizzando solo il radiatore. In seguito riportando la stanza alla temperatura originale prima di integrare il radiatore con la nostra tecnologia e ripetere il processo di riscaldamento, registrando attentamente le letture da ogni termometro a intervalli regolari durante tutto il processo di riscaldamento esattamente nella stessa sequenza. Il supporto per la distribuzione dei termometri è mostrato qui sotto:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In ogni test sono stati registrati significativi miglioramenti nelle prestazioni. Per di più, il modello della differenza era costante. Le riduzioni del calore sprecato sono illustrate nella tabella che segue:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come funziona la nostra novità?

 

Una piastra con generatori termoelettrici è posizionata tra il radiatore e una parete esterna. Questa piastra serve tre scopi:

 

 

1) blocca il calore dal radiatore verso la parete e sfrutta il differenziale di temperatura fra il radiatore ed il muro.

 

2) genera elettricità usando la differenza di temperatura fra la parete ed il radiatore con una serie di generatori termoelettrici. Così quanto più fredda la parete esterna su cui è montato il radiatore, maggiore è la potenza generata.

 

3) l'energia elettrica generata alimenta un ventilatore che estrae l'aria calda da dietro e attraverso uno scarico situato alla base del radiatore.

 

L'immagine qui sotto mostra il nostro prototipo iniziale in fase di sviluppo e nella preparazione per il test:

 

 

 

 

 

Come sarà il prodotto finale?

La tecnologia di base, per quanto innovativa, non ci ha presentato con una grande sfida come il design del prodotto stesso!

 

Abbiamo prodotto due design, uno che può essere installato in una nuova costruzione e uno che può essere adattato in tutte gli impianti esistenti. Il nostro obiettivo era quello di renderli pratici e accattivanti.

 

I nostri obiettivi di mercato, quindi includono entrambi sia individui con reddito basso o medio che siano sono proprietari di abitazione, inquilini, padroni di casa, enti pubblici e associazioni di proprietari.

 

La sfida era quella di fornire sia la flessibilità e la scelta a tutti questi gruppi in modo che possano sostenere i benefici senza costi significativi o disagi.

 

Per raggiungere questi obiettivi abbiamo deciso di offrire un modello integrato che abbiamo chiamato "Lava". Esso incorpora flessibilità modulare ed è inteso per il settore delle nuove costruzioni.

 

Sappiamo che i costruttori non sono inclini ad aumentare i loro costi inutilmente prima di vendere ai nuovi proprietari. Con questo in mente, Lava è progettato in modo che la nostra tecnologia possa essere montato sul radiatore dal proprietario dopo che la casa è stata acquistata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il nostro secondo progetto è un dispositivo di retrofit che abbiamo chiamato "Chill-Beater". Si rivolge a abitazioni esistenti abitate da persone che non vogliono i disagi associati con il montaggio di nuovi radiatori, molti di questi padroni di casa o inquilini sono, le statistiche del governo suggeriscono, a basso reddito e possono in realtà essere le vittime della scarsezza di combustibile. Il nostro obiettivo è quello di offrire una soluzione che si ripagherà in un inverno attraverso la riduzione dei consumi.

I prodotti:

1) Lava (un prodotto per le nuove costruzioni): contiene tutta la tecnologia che abbiamo sviluppato in una struttura modulare.

 

I costruttori, quindi, hanno la possibilità di vendere con tutta la tecnologia integrata o di vendere con solo il radiatore di base lasciando al nuovo proprietario la scelta di acquistare moduli aggiuntivi, come e quando desiderato.

 

Il modello di base si venderà allo stesso prezzo di un modello convenzionale. Le famiglie possono quindi aggiungere il modulo termoelettrico post-acquisto insieme ad un asciugatore integrato a scomparsa se lo desiderano.

 

Di seguito è mostrato il modello Lava con l’asciugatore integrato completamente esteso e immagini in sezione:

 

 

 

 

 

2) Chill-Beater (un prodotto per le abitazioni esistenti): per assemblarlo con i radiatori esistenti gli acquirenti semplicemente prendono il modulo termo-elettrico e lo fanno scorrere dietro il radiatore. È poi tenuto in posizione da una piastra di compressione che funge anche da dissipatore di calore. Il gruppo ventola si aggancia sul fondo del modulo termo-elettrico.

 

Il gruppo ventola è mostrato di seguito:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

3) ClingOn (un asciugatore integrato): questo dispositivo rappresenta un'aggiunta elegante e pratica a qualsiasi radiatore standard. può soddisfare le esigenze di qualsiasi individuo che desidera asciugare i vestiti in casa.

 

Alcune di queste unità eliminerebbero la necessità di un asciugabiancheria, in tal modo, riducendo sia le bollette che le emissioni di CO2 per l'atmosfera.

 

ClingOn  è montato sulla parte anteriore di un radiatore di dimensioni standard e da la possibilità di avere uno spazio per asciugare il bucato indoor a disposizione con il semplice tocco di un pulsante.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di seguito si vede la trasformazione da un radiatore standard ad un radiatore posto all'interno del modul Cling-On:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quali sono i nostri obiettivi e cosa faremo con i soldi che otterremo come risultato del vostro sostegno?

Vale la pena notare che finora, abbiamo speso più di £50.000 del nostro denaro su diversi aspetti di questo progetto (prototipo iniziale, test, ricerca, design, costi di brevetto...) ma ora non possiamo semplicemente andare avanti senza fondi aggiuntivi per completare la fase finale del progetto.

 

È per questo motivo che stiamo cercando aiuto da persone che vogliono migliorare il proprio stile di vita e quello degli altri, cercando anche di preservare l'ambiente e il pianeta che tutti condividiamo.

 

Il piano è quello di costruire, testare e rifinire il dispositivo completo in tutte le sue funzioni.

1) primo obiettivo: £20.000

Con £20.000 svilupperemo la tecnologia di base al suo pieno potenziale (oltre la fase di prototipo).

Questa tecnologia di base si trova al centro dei due modelli che abbiamo in progetto di offrire. (ulteriori informazioni nella sezione successiva).

 

2) secondo obiettivo: £30.000

Con £30.000 produrremo le cover per il prodotto e completeremo il beta testing.

 

3) terzo obiettivo: £40.000

Ci permetterà di aggiungere l'opzione aggiuntiva (l'asciugatore integrato-il ClingOn) ai prodotti.

 

4) quarto obiettivo: £80.000

Completeremo i test dei nostri prodotti da parte di una organizzazione indipendente, finalizzaremo il brevetto, avremo il prodotto pronto e daremo i diritti di licenza per uno dei prodotti ad una organizzazione non profit (CIC), in modo che tutti i profitti guadagnati dalla vendita del prodotto saranno reinvestiti nel sostenere le persone che non possono permettersi di acquistarli e altre sfide ambientali che confrontano la società.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Solo quando vedremo che le persone comuni non soffriranno inutilmente il freddo avremo adempiuto al progetto missione Phoenix.

L'amministratore delegato Daniel Mirfani che si riposa dopo avere completato la sua missione:)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli obiettivi: affrontare la scarsezza di combustibilr e il riscaldamento globale

Il progetto Phoenix è dedicato a portare sollievo a coloro che stanno vivendo il vero disagio della scarsità del carburante, insieme a coloro che si possono permettere il riscaldamento, ma per i quali il risparmio di denaro è una priorità.

 

 

 

 

 

 

 

Alcune considerazioni dal nostro amministratore delegato Daniel Mirfani:

 

"Miriamo ad affrontare la scarsirtà di combustibile. Un problema sentito da una parte considerevole della popolazione in molte società in Europa e comunità negli Stati Uniti e in Canada. Le persone affette dalla scarsità di combustibile vanno dai pensionati e dagli anziani, ai disoccupati, ai genitori single e alle famiglie con redditi bassi. Abbiamo incontrato famiglie che devono vivere in condizioni di freddo, mentre soffrono di una serie di problemi fisici e mentali, in parte causati dalle condizioni in cui vivono. Sappiamo di genitori che devono scegliere tra mangiare, nutrire i bambini e scaldare le loro case. È stata la sfida della scarsità di combustibile che mi ha spinto a sedersi e pensare al modo migliore di affrontare il problema. Quindi affrontare la scarsità di combustibile è una priorità per me, e anche per la mia squadra. "

 

 

Aiutando questi gruppi possiamo anche aiutare i governi a raggiungere i loro obiettivi di lotta al cambiamento climatico.

 

Il cambiamento climatico è attualmente il problema di sostenibilità più impegnativo del mondo, ha conseguenze di vasta portata sia per la società che per l'economia mondiale.

 

 

 

Nel Regno Unito, ad esempio, oltre il 50% delle emissioni di CO2 all'atmosfera provengono da sistemi di riscaldamento domestico.

 

La combustione di combustibili fossili come petrolio, carbone e gas per produrre energia e carburante per il trasporto, insieme all'agricoltura intensiva, sta rilasciando gas a effetto serra nell'atmosfera, mentre la deforestazione limita la capacità del dissipatore di carbonio naturale di assorbire il diossido di carbonio. Questi gas intrtrappolano il calore dal sole, causando il 'riscaldamento globale ' e cambiando le condizioni atmosferiche in tutto il mondo. Il principale gas a effetto serra è l'anidride carbonica (CO2), del tipo emesso dai sistemi di riscaldamento domestico, anche se altri gas tra cui il metano e gli ossidi di azoto sono anche colpevoli (Leeds Initiative 2008).

 

 

 

 

                                                                                                          By photographer Kerstin Langenberger

 

 

Il Progetto Phoenix mira a ridurre l'emissione di CO2 dai sistemi di riscaldamento domestico fino al 20%.

 

Quindi, per favore aiutateci ad aiutarvi a salvare il pianeta!

 

PS. l'impronta di carbonio di una tecnologia di riscaldamento è misurata in grammi di anidride carbonica equivalente per kilowatt-ora di calore (gCO2eq/kWh). L'anidride carbonica è il più importante GHG, così altri sono misurati in equivalente CO2.

 

Una volta che i nostri obiettivi sono soddisfatti, saremo in grado di celebrare insieme sapendo che molte meno persone dormono al freddo e tutti lavorano insieme per contribuire a salvare il nostro pianeta dal riscaldamento globale.

 

 "quando questo è fatto, e solo allora, possiamo affermare che nel corso della nostra vita, abbiamo fatto qualcosa di degno, piuttosto solo sprecare ossigeno! " (Daniel Mirfani, amministratore delegato)

 

 

 

 

 

Ed ora......... La nostra società!....

 

 

La nostra storia

International Innovation Services è stata fondata nel 2016. Phoenix è uno dei tre progetti aziendali. È anche quello più avanzato. Le sue origini si trovano in un'iniziativa per aiutare gli anziani a usare i computer.

 

Mentre studiava per il suo Master, l'amministratore delegato di IIS Daniel Mirfani, già laureato in informatica, ha iniziato a visitare persone anziane a loro richiesta per aiutarli a imparare ad usare un computer e Internet. Durante queste visite Daniel è stato colpito da quante case ha visitato erano davvero fredde. Il suo suggerimento che il riscaldamento potrebbe essere alzato ha suscitato la risposta che il riscaldamento era troppo costoso. Questo è stato il primo incontro di Daniel con la scarsità di combustibile. Decise di trovare una soluzione. Ha messo insieme un team di appassionati come lui per lavorare al progetto.

 

Un nuovo concetto è stato sviluppato e testato. I risultati sono stati molto incoraggianti, tuttavia, accademici alla Oxford Brookes University nel ruolo di critici amichevoli avevano identificato una serie di problema che avevano bisogno di ulteriore lavoro. Il team ha sviluppato ulteriori perfezionamenti e ha eseguito ulteriori test. I risultati sono stati positivi in maniera rassicurante. Di conseguenza, la decisione è stata presa per richiedere un brevetto e per stabilire IIS. La visione e la missione della nuova società sono state definite nei seguenti termini.

 

La nostra visione

 

La creazione e lo sfruttamento della proprietà intellettuale per combattere le sfide del cambiamento climatico. Per raggiungere questo obiettivo cerchiamo di collaborare con i governi, e le amministrazioni locali da un lato e le società e le comunità, dall'altro.

 

L'obiettivo è quello di fornire prodotti e processi che mitigano i peggiori effetti del clima estremo e altre conseguenze cambiamento climatico per le comunità in diverse parti del mondo.

 

La nostra missione

 

Per raggiungere i nostri obiettivi, cerchiamo partner con le risorse e le conoscenze locali necessarie per operare nei diversi contesti locali in cui sorgono i problemi ambientali.

 

 
 
Risultati fino ad oggi

2017 Oxford Brookes University Social Enterprise Award - First Prize

Green Apple Award - Best Product - Houses of Parliament 2017

Green World Ambassador 2017 

Oxford SME Soup 2017 shortlisted

MIAT Prize Shortlisted 2018

Vulnerable Customer Support Award 2018

H&V Finalist Awards 2018 (Finale in March)

Incontra il team: noi crediamo in un futuro migliore

 

 

 

 

 

 

 

 

Rischi e sfide

I seguenti sono i potenziali rischi che dobbiamo considerare:

 

-Aumentare il capitale per finanziare il progetto, quindi il crowd funding

-le nostre domande di brevetto sono contestate

-il beta testing presenta problemi imprevisti che causano ritardi

-Gli accordi per accordare la licenza di fabbricazione richiedono più tempo del previsto per i negoziati

 

-Il tempo è cruciale e tutti i membri del team hanno un altro lavoro a tempo pieno per le loro necessità

International Innovation Services

H2.04 Ice Qube

Oxford Brookes University

Wheatley Campus

Oxford

OX33 1HX

Contact

info@innovation-services.org.uk

+44 7926654123

IIS on Social media

  • facebook
  • Twitter Clean
  • White LinkedIn Icon
  • w-googleplus
  • White Pinterest Icon
© 2019 International Innovation Services Ltd